?

La revisione della legge sul CO2 è in dirittura d'arrivo. Il Consiglio nazionale ha finito di discuterne nella sessione estiva del 2020. Di quali altre questioni di politica energetica i parlamentari stavano ancora discutendo - abbiamo raccolto le più importanti.

Consiglio di Stato

Nella prima settimana della sessione, la piccola camera si è occupata di tre avanzamenti. La mozione presentata dall'ex consigliere nazionale Philipp Hadorn (SP/SO) dal titolo "Sonnenenergie-Fördertrilogie konkret. Interfacce tra autorità" (19.4258) è stato accettato dal Consiglio degli Stati senza opposizione. Il Consiglio nazionale aveva già espresso il suo sostegno nella sessione invernale del 2019. In questo modo si intende semplificare il lavoro amministrativo tra le autorità preposte al rilascio delle licenze per la costruzione di un impianto ad energia solare. Anche la mozione presentata dall'ex consigliere nazionale Bernhard Guhl (BDP/AG) sull'"Integrazione economicamente efficiente delle energie rinnovabili nelle reti elettriche" (19.3755) è stata adottata dal Consiglio degli Stati e quindi rinviata. Il movimento mira a ridurre un aumento delle tariffe di rete dovuto all'integrazione del fotovoltaico nella rete. Entrambe le proposte sono state sostenute dal Consiglio federale. Il Consiglio degli Stati si è occupato anche dell'interpellanza "Polluter-pays-based grid fees" (20.3035) di Damian Müller (FDP/LU). Questo riguarda le spese di trasporto dell'elettricità.

Tutti i dibattiti del Consiglio degli Stati si trovano nel Bollettino ufficiale dell'Assemblea federale.

Consiglio Nazionale

Nella seconda settimana della sessione, la grande camera ha discusso per la seconda volta - a causa di divergenze con il Consiglio degli Stati - la revisione totale della legge sul CO2 (17.071) e ha preso importanti decisioni. Dopo oltre dodici ore di dibattito, il Consiglio nazionale ha votato a favore della legge sul CO2 nella votazione complessiva. Il progetto di legge è stato chiaramente approvato con 135 voti a favore, 59 contrari e un'astensione. Il Consiglio nazionale ha seguito in gran parte le decisioni del Consiglio degli Stati, aprendo così la strada a questa legge, che dovrebbe entrare in vigore nel 2022. La camera superiore ha accettato di dimezzare le emissioni di CO2 entro il 2030, ma vuole ridurre di più le emissioni a livello nazionale: almeno il 75% dell'obiettivo dovrebbe essere raggiunto a livello nazionale. Come il Consiglio degli Stati, anche il Consiglio nazionale vuole istituire un fondo per il clima. Il fondo per il clima è destinato a finanziare misure che contribuiscono a ridurre le emissioni di gas serra e a prevenire i danni causati dal cambiamento climatico. Anche per quanto riguarda il programma di costruzione, il Consiglio nazionale ha sostanzialmente seguito la proposta elaborata dal Consiglio degli Stati e specificata dalla Commissione per l'ambiente, la pianificazione del territorio e l'energia (UREK) del Consiglio nazionale. Il Consiglio nazionale sostiene anche l'aumento della tassa sul CO2 e l'introduzione di una tassa sui biglietti aerei. Una parte di questi fondi sarà destinata al Fondo per il clima, i restanti due terzi della tassa sul CO2 e poco più della metà del gettito della tassa sui voli saranno ridistribuiti alla popolazione e all'economia. Per consentire agli importatori di carburante di adempiere al loro obbligo di compensazione, il Consiglio nazionale segue il Consiglio degli Stati anche con il supplemento massimo sul prezzo del carburante: un massimo di 10 centesimi al litro fino al 2024, e un massimo di 12 centesimi a partire dal 2025. Rimangono alcuni dettagli delle differenze tra i Consigli, che saranno trattati nell'UREK del Consiglio degli Stati durante l'estate. Nella sessione autunnale dal 7 al 25 settembre 2020, il CO2 Act potrebbe tornare sul tavolo in entrambi i Consigli ed entrare nella votazione finale.

Il Consiglio nazionale ha anche detto "sì" allo strumento di promozione della ricerca SWEET (Swiss Energy Research for the Energy Transition 20.029). Con questo programma il Consiglio federale intende far progredire la ricerca nei settori centrali della strategia energetica 2050 e mette a disposizione 136,4 milioni di franchi per i prossimi otto anni. Il prossimo passo sarà la discussione del Consiglio degli Stati.

Infine, la Grande Camera ha adottato il postulato "Strategia futura per la produzione combinata di calore ed elettricità" (20.3000) della Commissione per l'ambiente, la pianificazione del territorio e l'energia del Consiglio nazionale (UREK-N). Il Consiglio federale è incaricato di presentare una strategia per la regolamentazione della produzione combinata di calore ed elettricità. Il rapporto integrale del Consiglio nazionale è accessibile tramite questo link.

Alicia Salas, tirocinante universitaria media e politica, UFE

Immagine: Béatrice Devènes

1 Stern2 Sterne3 Sterne4 Sterne5 Sterne Noch keine Bewertungen
Loading...
1 Antwort
  1. Werner Zumbrunn
    Werner Zumbrunn sagte:

    Der Entwurf des CO2-Gesetzes verstösst eklatant gegen Artikel 5 des Energiegesetzes. Dort steht in Absatz 1 Buchstabe c: „Die Kosten der Energienutzung sind möglichst nach dem Verursacherprinzip zu tragen.“ Die exorbitante Abgabe auf Brennstoffe (bis 210 Fr./Tonne CO2), welche für bloss einen Viertel der Treibhausgasemissionen (TGE) verantwortlich sind, ist um ein Mehrfaches höher als die Abgabe auf Treibstoffe, welche einen Drittel der TGE verursachen (eine Abgabe von 10 Rp./Liter Benzin entspricht einer CO2-Abgabe von ca. 43 Fr./Tonne CO2).
    Ob ein solches Gesetz, das gegen das gesetzlich geregelte und elementare Verursacherprinzip verstösst, vor dem Stimmvolk Gnade findet, sei dahin gestellt. Sicher wird damit dem ambitionierten Treibhausgas-Reduktionsziel des Bundesrates – Netto-Null Emissionen bis zum Jahr 2050 – nicht gedient.

    Antworten

Dein Kommentar

An Diskussion beteiligen?
Hinterlasse uns Deinen Kommentar!

Schreiben Sie einen Kommentar

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahren Sie mehr darüber, wie Ihre Kommentardaten verarbeitet werden .