, , ,

Emissioni di gas a effetto serra nette e carburanti sostenibili: UFAM e UFAC partecipano a SWEET

?

Il programma di finanziamento SWEET dell'Ufficio federale dell'energia (UFE) si basa sulla cooperazione: l'invito a presentare proposte "Infrastrutture critiche" è stato lanciato in collaborazione con il Centro nazionale per i servizi climatici (NCCS) e l'Ufficio federale della protezione civile (UFPP). L'UFE sta preparando due futuri bandi insieme all'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) e all'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC). Perché? Cosa sperano di ottenere gli uffici coinvolti? Ha chiesto Energeiaplus.

Andreas Haselbacher è responsabile delle gare d'appalto presso SWEET. Perché l'UFE coinvolge altri attori?

Andreas Haselbacher: SWEET è destinato a sostenere la ricerca che ci aiuta a raggiungere gli obiettivi della politica energetica e climatica a lungo termine. SWEET si concentra quindi anche su temi interdipartimentali che non sono solo di competenza dell'UFE ma anche di altri uffici come l'UFAM e l'UFAC. Con questo approccio congiunto, possiamo progettare i bandi in linea con la domanda e utilizzare le risorse finanziarie federali in modo mirato.

È prevista una gara d'appalto per le emissioni nette zero di gas a effetto serra - insieme all'UFAM. Qual è l'obiettivo dell'offerta?

Andreas Haselbacher: Il Consiglio federale ha deciso che, a conti fatti, nel 2050 la Svizzera non dovrebbe emettere più gas a effetto serra di quanto gli impianti di stoccaggio naturali e tecnici possano assorbire in modo permanente e sicuro. Le emissioni che sono difficili da evitare devono essere compensate con tecnologie di cattura e stoccaggio di CO2 (CCS) e tecnologie di emissioni negative (NET). I primi catturano la CO2 direttamente dove viene prodotta dagli impianti del settore industriale e dei rifiuti.

Le reti rimuovono permanentemente CO2 dall'atmosfera per compensare le emissioni che non possono essere catturate direttamente. Secondo la strategia climatica del Consiglio federale, nel 2050 rimarranno emissioni residue di circa 12 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti, principalmente dai processi industriali (soprattutto la produzione di cemento), dall'utilizzo dei rifiuti e dall'agricoltura. Il focus degli appelli è sulla questione di come queste emissioni, che sono difficili da evitare, possono essere rese sicure per il clima in termini concreti. Le sfide sono grandi perché ci sono ancora molte domande aperte che circondano lo sviluppo e l'uso di CCS e NET.

Cosa c'è di interessante nella collaborazione con l'UFAM dal punto di vista dell'UFE?

Andreas Haselbacher: Le emissioni di gas serra sono un ottimo esempio di una questione trasversale che richiede il know-how di diversi uffici. Sono il più grande motore del cambiamento climatico e sorgono principalmente nella fornitura e nell'uso dell'energia. La cooperazione tra l'UFAM e l'UFE è quindi sensata. In questo invito a presentare proposte, le questioni relative alla domanda o all'efficienza energetica sono di competenza dell'UFE. L'UFAM ha il compito di sviluppare condizioni quadro favorevoli per CCS e NET e di inserirle nella politica climatica. Anche qui, vogliamo lavorare insieme per garantire che i fondi siano utilizzati nel modo più efficace possibile.

Sophie Wenger, lei è responsabile all'UFAM dello sviluppo delle condizioni quadro per le tecnologie a emissioni negative. Cosa si aspetta l'UFAM dalla sua partecipazione all'appello SWEET sulle emissioni nette zero di gas serra?

Sophie Wenger: È urgente affrontare le questioni aperte intorno all'espansione di CCS e NET ora in modo da poter raggiungere la necessaria scalata entro il 2050. Questo è l'unico modo per raggiungere l'obiettivo di rete zero. Allo stesso tempo, la promozione di CCS e NET offre anche opportunità per la Svizzera. Alcune delle nostre ricerche e industrie sono leader mondiali nello sviluppo di soluzioni. Penso, per esempio, alla start-up Climeworks dell'ETH, che attualmente gestisce il più grande impianto al mondo per lacattura direttadi CO2 in Islanda. SWEET mira a promuovere specificamente l'innovazione orientata all'applicazione che collega la ricerca, le imprese e il settore pubblico per diversi anni. Un tale programma è ideale per affrontare le sfide intorno al CCS e al NET. Non esiste ancora in questa forma nell'UFAM.

Si stanno già facendo molte ricerche sulle emissioni negative. L'Ufficio federale dell'energia ha recentemente approvato un progetto su questo argomento come parte del programma pilota e dimostrativo - il progetto DemoUpCARMA. È destinato a dimostrare e scalare la generazione di emissioni negative attraverso lo stoccaggio permanente di CO2 nel cemento (in Svizzera) e in serbatoi geologici (all'estero). In che modo i risultati di tali progetti sono rilevanti per l'invito a presentare proposte?

Andreas Haselbacher: Questi risultati sono molto rilevanti per il programma di finanziamento SWEET, soprattutto per il prossimo invito a presentare proposte sul tema delle emissioni di gas serra difficilmente evitabili e l'obiettivo netto zero. I risultati di DemoUpCARMA ci aiuteranno nella preparazione del bando, cioè nella delimitazione delle aree tematiche e nella definizione delle domande di ricerca, per esempio nelle aree degli incentivi, dello scaling e dell'accettazione sociale.

Sophie Wenger: DemoUpCARMA è un progetto ambizioso e completo con circa 20 partner di progetto, che prevede una vasta gamma di chiarimenti nei settori dell'energia e delle valutazioni del ciclo di vita, della scalabilità in Svizzera, del trasporto di CO2 all'estero e della progettazione del quadro giuridico. Tali progetti possono aiutarci a innalzare rapidamente il livello di conoscenza e a identificare le lacune di conoscenza, in modo da poter affrontare le prossime domande e quelle successive nella chiamata SWEET. Dopo tutto, abbiamo bisogno di scalare CCS e NET relativamente velocemente se vogliamo raggiungere gli obiettivi climatici a lungo termine.

L'appello sarà pubblicato all'inizio del 2024. Perché viene comunicato ora?

Sophie Wenger: Vorremmo invitare la ricerca e l'industria a presentare subito progetti all'UFE e all'UFAM, che, come DemoUpCARMA, contribuiranno allo sviluppo del bando. Per esempio, dimostrando l'implementazione pratica di approcci noti o mostrando nuovi approcci promettenti. Di particolare interesse sono i progetti che possono fornire risultati concreti entro la fine dell'estate del 2023. Il sostegno è fornito nel quadro dei crediti di ricerca e dei programmi d'innovazione esistenti dell'UFE e dell'UFAM.

I combustibili sostenibili sono un altro argomento che SWEET vuole affrontare. Qui è prevista la cooperazione con l'UFAC. Si tratta principalmente di carburanti per il traffico aereo?

Andreas Haselbacher: Non si tratta solo di carburanti per l'aviazione, ma hanno un ruolo molto importante. Per esempio, il traffico aereo ha contribuito a circa l'11% delle emissioni di gas serra svizzere nel 2019, quasi esclusivamente attraverso il traffico internazionale. Secondo la strategia climatica a lungo termine, il traffico aereo internazionale dovrebbe, per quanto possibile, non causare più alcuna emissione con impatto sul clima entro il 2050. Inoltre, però, vorremmo anche indagare su come i carburanti sostenibili possono essere utilizzati in altri settori, soprattutto nell'industria, che ha contribuito per circa il 24% alle emissioni di gas serra svizzere nel 2019.

Boris Stolz, lei è responsabile dei combustibili rinnovabili per l'aviazione all'UFAC. Cosa interessa al FOCA nella chiamata SWEET?

Boris Stolz: Il Consiglio federale ha dichiarato nella strategia climatica a lungo termine della Svizzera che i combustibili sintetici rinnovabili sono una delle misure più promettenti per ridurre l'impatto climatico dannoso del trasporto aereo entro il 2050. Un grande sforzo di ricerca è necessario per realizzare questo potenziale. Di conseguenza, apprezziamo la cooperazione con l'UFE. Anche qui, ha senso mettere in comune la forza innovativa della Svizzera.

Dal punto di vista dell'UFE, perché la collaborazione con l'UFAC è un arricchimento?

Andreas Haselbacher: I carburanti e i combustibili sono un altro esempio di una questione trasversale. L'UFAC ha il compito di garantire che il trasporto aereo svizzero raggiunga gli obiettivi della strategia climatica a lungo termine, e i carburanti sostenibili hanno un ruolo centrale in questo. A seconda del metodo, la produzione di questi combustibili può richiedere notevoli quantità di energia, che deve essere fornita da fonti rinnovabili. Inoltre, i combustibili sostenibili potrebbero giocare un ruolo importante come mezzo di stoccaggio nella sicurezza dell'approvvigionamento. Questi sono argomenti dell'UFE. Una visione olistica è quindi essenziale.

L'ETH di Zurigo ha recentemente dimostrato la produzione di carburante dal sole e dall'aria. In che misura i risultati della ricerca esistente confluiscono nell'invito a presentare proposte per "carburanti sostenibili"?

Boris Stolz: La sede di ricerca svizzera è in parte leader mondiale in questo campo. Questi risultati costituiscono la base per ulteriori attività di ricerca e sviluppo, come previsto in questo invito. Di conseguenza, nel redigere le domande di ricerca in questo appello, si dovrebbe tener conto di dove si trova la ricerca oggi e quali sono i prossimi passi necessari. Questo è proprio uno degli obiettivi di questa chiamata, per essere in grado di contribuire il più grande possibile a scalare i combustibili sostenibili e a basso costo (soprattutto per il trasporto aereo). Ciò è garantito non solo da esperti dell'UFE e dell'UFAC, ma anche da un gruppo di supporto scientifico.

Andreas Haselbacher: Oltre ai risultati dell'ETH, incorporeremo anche i risultati della ricerca di altri progetti che si occupano di combustibili sostenibili.

Intervista: Brigitte Mader, Comunicazione Ufficio federale dell'energia

1 Stern2 Sterne3 Sterne4 Sterne5 Sterne Noch keine Bewertungen
Loading...
1 Antwort
  1. Markus Saurer
    Markus Saurer sagte:

    Die üblichen Worthülsen – leider.
    Und höchst problematisch erneut die „gesellschaftliche Akzeptanz“. Die Projekte verwenden immer grosse Stücke darauf, diese zu schaffen. Doch technisch-institutionelle Innovation im Hinblick auf gewisse Ziele schafft sich automatisch gesellschaftliche Akzeptanz, nämlich dann, wenn sie betreffend dieser Ziele effizient ist. Das kann also hier nicht gemeint sein. Was ist es dann? Es ist die Frage: „Wie setzte ich ineffiziente Lösungen im gesellschaftlichen und politischen Prozess durch.“

    Antworten

Dein Kommentar

An Diskussion beteiligen?
Hinterlasse uns Deinen Kommentar!

Schreiben Sie einen Kommentar

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahren Sie mehr darüber, wie Ihre Kommentardaten verarbeitet werden .