, , ,

Molto è stato fatto, molto è stato imparato e molto è già stato ottimizzato - SWEET fa il punto della situazione

?

Quattro inviti a presentare proposte, numerose proposte di progetti interessanti e primi consorzi che hanno iniziato il loro lavoro di ricerca: Il programma di finanziamento SWEET è ben avviato e ha implementato alcuni risultati del primo bando.

Il primo invito a presentare proposte del nuovo programma di finanziamento SWEET è stato lanciato nel giugno 2020, e la risposta è stata enorme: 13 consorzi hanno presentato una proposta. Quattro consorzi sono stati infine selezionati per il finanziamento. Dopo la fine di questo invito a presentare proposte, l'ufficio SWEET ha condotto un sondaggio tra i partecipanti al fine di valutare e ottimizzare il processo di candidatura. Sulla base delle risposte, i responsabili di SWEET hanno attuato vari aggiustamenti all'invito a presentare proposte e al processo di valutazione.

"Vogliamo imparare lezioni da ogni gara per semplificare il più possibile il lavoro per tutte le persone coinvolte e concentrarci sull'essenziale" Laura Ding, responsabile della valutazione e del monitoraggio, Ufficio SWEET

Ottimizzazione del processo di gara d'appalto
Così, dal secondo invito a presentare proposte, il processo di selezione si è svolto in due fasi: Nella prima fase, i consorzi presentano brevi pre-proposte. Questi sono valutati sulla base di obiettivi, concetto, metodologia e impatto potenziale. Nella seconda fase, i consorzi preselezionati presentano poi una proposta completa più dettagliata, che viene valutata in particolare per quanto riguarda l'attuazione.

Grazie al processo in due parti, lo sforzo dei consorzi è ridotto. Il feedback del team di valutazione sulle pre-proposte selezionate aiuta anche a migliorare la qualità delle proposte complete. Inoltre, l'ufficio SWEET ha rivisto i documenti modello per le chiamate e chiarito le linee guida per le chiamate.

Due inviti a presentare proposte completati, due in fase di valutazione
Il primo invito a presentare proposte"Integrare le energie rinnovabili in un sistema energetico svizzero sostenibile e resiliente" è stato chiuso all'inizio del 2021. I quattro consorzi di successo DeCarbCH, EDGE, PATHFNDR e SURE hanno iniziato a lavorare nel 2021.

Il primo bando SOUR è stato lanciato sotto lo stesso tema guida, con l'obiettivo di promuovere deliberatamente progetti non convenzionali e più rischiosi. 77 proposte di progetto hanno raggiunto l'ufficio SWEET, quattro progetti SOUR hanno ottenuto il contratto dopo la valutazione di esperti indipendenti e sono ora in fase di attuazione.

Il lavoro di ricerca sul tema del secondo bando SWEET"Living & Working" inizierà quest'anno. Quattro consorzi hanno raggiunto la seconda tornata di domande e hanno presentato una proposta completa. Quali due di loro riceveranno il finanziamento sarà deciso nella primavera del 2022.

"Abbiamo ricevuto numerose proposte di progetti interessanti che danno un impulso importante per un futuro energetico sostenibile e innovativo. I ricercatori hanno lavorato molto nelle proposte" Nathalie Rüegg, Ufficio SWEET

"Un sistema energetico sostenibile non può essere visto solo dal punto di vista dell'energia, perché influenza molte altre aree. Ecco perché sono lieto che stiamo lavorando insieme a SWEET in tutti gli uffici" Andreas Haselbacher, responsabile dello sviluppo del programma, Ufficio SWEET

Nel bando dell'anno scorso su"Infrastrutture critiche, cambiamento climatico e resilienza del sistema energetico svizzero", un consorzio ha presentato una pre-proposta. Questo è attualmente in fase di valutazione.

Cosa succederà dopo?
Altri inviti a presentare proposte sono in cantiere per il 2022. Dall'inizio del 2022 si cercherà un consorzio per il tema chiave"Simulazioni coordinatedelsistema energetico svizzero", che coordinerà trasversalmente le simulazioni dei singoli consorzi SWEET. Un requisito centrale è che, oltre agli aspetti tecnici ed economici, siano incorporati anche i risultati delle scienze sociali e umane.

Inoltre, in collaborazione con l'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC) si sta preparando un bando sui"carburanti sostenibili", che sarà lanciato nell'autunno 2022. Dopo l'appello sulle "Infrastrutture critiche", che è stato sviluppato insieme al Centro nazionale per i servizi climatici (NCCS) e l'Ufficio federale della protezione civile (UFPP), questa è già la seconda collaborazione tra agenzie federali. Con l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) si sta preparando anche un bando di concorso per il 2024 sul tema guida"Net Zero Greenhouse Gas Emissions 2050".

La prima conferenza SWEET è prevista per il 15 giugno 2022. Maggiori informazioni seguiranno in primavera.

Sara Blaser, Sprachwerk GmbH a nome dell'Ufficio SWEET, Ufficio federale dell'energia

Tutte le informazioni a colpo d'occhio

SWEET ha una propria sezione sul sito dell'UFE. Lì troverete tutte le informazioni sulle gare d'appalto in corso, così come le informazioni di base e lo stato delle cose sulle gare d'appalto passate.

Gli interessati possono tenersi aggiornati con la newsletter.

1 Stern2 Sterne3 Sterne4 Sterne5 Sterne Noch keine Bewertungen
Loading...
2 Kommentare
  1. Werner Bechtel
    Werner Bechtel sagte:

    Eine Kritik ist schwierig, schreibe ich zu wenig, ist diese nicht klar. Schreibe ich zu viel wird diese nicht gelesen.
    NFP70/71 und SWEET vermisse ich Speicherbedarf, Kosten, Realisierbarkeit. Ist eigentlich das wichtigste der ES2050. (SWEET Deutsche Version?)
    Bei der Vorstellung NFP70/71 in der ETH Hönggerberg haben 5 Besucher eindringlich darauf Aufmerksam gemacht, und wir bekamen keine Antwort.
    Bei verschiedenen Anlässen ETH Zürich inkl. Workshop war das kein Thema.
    Für unsere Versorgungssicherheit und das Klimaziel ist es in der Schweiz eigentlich oberste Priorität, dass unsere Stromversorgung funktioniert.
    Kurzfassung Begründung:
    CH braucht 4 TWh zusätzlicher Speicher. Die kosten, Ressourcen, Emissionen dazu sind enorm. Ich schätze 10’000 Sfr pro Person und Jahr. Das ist für unseren Wirtschaftsstandort und Einwohner nicht möglich zu leisten.
    Die Langversion, inkl. die Begründung, dass wir neue Kernenergie brauchen habe ich hier.
    https://wernibechtel.wordpress.com/2021/06/21/energiestrategie-geplatzt-speicher-unmoglich/
    Im Anbetracht, dass Strommangellage die grösste Gefahr ist, BABS und das Klimaziel wichtig ist, ist es aller höchste Priorität, dass eine Energiestrategie funktionieren muss. Probieren reicht nicht.
    Es Grüsst Euch #AtomWerni vom Klimastreik mit Slogan #Nuclear4Climate

    Antworten
  2. Martin Steiger
    Martin Steiger sagte:

    Inzwischen ist leider deutlich sichtbar, dass die «Energiestrategie 2050» bzw. die «Energiewende» wie auch die Klimapolitik des BFE bzw. UVEK nicht umsetzbar sind. Die logische Folge müsste sein, dass bei beidem per sofort ein Marschhalt eingelegt werden muss, um eine grundlegende Prüfung zu ermöglichen. Dieser Marschhalt für eine grundlegende Prüfung würde auch SWEET und SOUR betreffen. Subventionen aller Art müssen insbesondere hinreichend begründet sei und ermöglichen, den jeweiligen Zweck zu erreichen.

    Antworten

Dein Kommentar

An Diskussion beteiligen?
Hinterlasse uns Deinen Kommentar!

Schreiben Sie einen Kommentar

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahren Sie mehr darüber, wie Ihre Kommentardaten verarbeitet werden .